Come degustare il vino in 4 passi

Per chi si approccia al mondo del vino, la prima difficoltà che si incontra è come degustare il vino per capirne le differenze senza fare una figura barbina davanti ad una persona più esperta.

Come in tutte le cose nessuno nasce imparato e credo che il miglior modo per apprendere sia quello di provare e riprovare che per il vino si può tradurre con bere e ribere.

Questo articolo vuole essere una breve guida per tutti coloro che vogliono studiare il vino nella maniera più pragmatica possibile: bevendolo in compagnia.

Per una corretta degustazione basta seguire pochi passi che aiutano a riconoscere le principali caratteristiche di un vino.

Per semplificare il metodo di degustazione, ci può essere d’aiuto il modello delle 4 S, che può essere un modo semplice da apprendere per iniziare a degustare il vino come veri sommelier.

Ecco i 4 step da seguire per una corretta degustazione:

1. SEE (esame visivo) – la vista è il primo dei sensi che viene utilizzato nella degustazione. Inclinando il calice orizzontalmente contro un foglio bianco, è possibile riconoscere in maniera più accurata il colore. Con questo esame è possibile valutare se un vino è filtrato o meno, il grado alcolico, la giovinezza o meno, ecc…

Ruota-Colori-vino

Colori convenzionali del vino

2. SNIFF (esame olfattivo) – prima di annusare il vino, è consigliabile sempre farlo ossigenare, perciò si consiglia di agitarlo per bene prima di mettere il naso nel bicchiere (ATTENZIONE: questa regola non vale per gli spumanti). Dall’esame olfattivo è possibile identificare se il profumo è più fruttato, floreale, minerale, vegetale, speziato, ecc…

Bouquet dei profumi

Bouquet dei profumi

Occhio però, molte volte il naso inganna…

3. SIP (esame gustativo) – l’assaggio è l’esame principale, se ciò non fosse il vino non sarebbe una bevanda. Dopo questa precisazione da chi ha scoperto l’acqua calda è meglio passare ad elencare quali sono i principali sapori percepiti che possono essere raggruppati in 4 macro categorie: dolce, salato, acido e amaro. In base al gusto personale è possibile percepire diversi sapori l’uno dall’altro.

sapori-lingua4. SUMMARIZE (conclusioni finali): Dopo aver effettuato questi tre passaggi, è buona norma dare una valutazione globale del vino e credo che sia importante riuscire a dar sempre un parere personale, anche perché ognuno è il sommelier di se stesso.

Per cui, per quante cose vi vengano dette, il vostro gusto è il primo parametro per valutare un vino.

 Ora non resta che invadere tutti gli eventi enogastronomici e degustazioni della propria zona come dei veri #winelovers …e non abbiate paura di quello che vi diranno, anche perché dopo 3 bicchieri tutti hanno ragione.

cartello Wine Tasting


Per una maggiore comprensione, Wine Spectator ci guida con un video alla degustazione dei vini rossi


Ecco, invece, un’infografica utile per una corretta degustazione dei vini (in lingua inglese)

Original Source: Different Types of Wine

Lasciaci un tuo commento

commenti

Recommended Posts
Comments
pingbacks / trackbacks
  • […] Lettori, ho ripreso in calce un bellissimo post dal Blog: http://wineditors.com/come-degustare-in-4-passi/ che spiega, con una semplice guida come degustare il […]

Rispondi