Il giallo delle bottiglie di Homer

#Cosedallarete…Le enigmatiche bottiglie di due designer russi ispirate ai Simpson e a Mondrian

I Simpson, la Russia e i dubbi amletici

Che i Simpson siano un cartone filo-birra è cosa nota. Democratica, popolare la birra dei Simpson gode nella perfetta unione con fratello Divano e sorella Televisione. Impossibile vivere senza, perchè nessun giorno è un buon giorno senza una ciambella al mattino e una birra alla sera. Altro che la tristezza del vino e la malinconia intellettuale del calice…

La birra felice di Homer

La birra felice di Homer e il calice triste di Marge

E se umano è il principio dell’imitazione, tanta felicità simpsoniana non poteva non trovare dei seguaci anche qui nella vita vera. E già negli anni ’90 in Australia una ditta iniziò la produzione della Birra Duff, omonima marca di birra simpsoniana. Ma la vita è la vita e i cartoon sono la 20th Century Fox, che non gradì affatto questa iniziativa autogestita. Tanto che la compagnia australiana oltre alla distruzione di tonnellate di lattine dovette porgere formali scuse alla 20th Century Fox per violazione dei diritti.

Duff Beer

Duff Beer. Queste lattine sono pezzi da collezione. Anche 50 dollari al pezzo

Dalla Russia con amore

Ora è la volta del vino. Il vino e la sua bottiglia in odore di arte e peformance. “Wine or maybe not?” questo è il progetto/prodotto di due designer russi, Costantin Bolimond e Dmitry Patsukevich   decisi a fare del vino un’esperienza unica. In un’enigmatica bottiglia il nome dei Simpson si accompagna con i colori primari di Mondrian. Monocromatica, compatta e misteriosa…Niente traspare dal packaging, nemmeno dall’etichetta. Anzi, non si sa nemmeno se questo prodotto sia vino. Sì, perché il dubbio sul contenuto della bottiglia è parte delle intenzioni dei due designer. Come racconta l’etichetta, questa bevanda è stata fatta nel 1987 in contemporanea al primo lancio della serie Simpson. Ma se questo sia vino o meno, sta al consumatore scoprirlo. Nulla è dato sapere tranne che le proporzioni tra gli ingredienti cambiano continuamente. Insomma, in Russia a bere non ci si annoia mai.

That is the question

Le foto sono tratte da Google. Per saperne di più guardate qui:

Il progetto delle bottiglie

Le dispute sulla prima commercializzazione della Duff Beer

Le lattine di Duff Beer in vendita

Siete preparati sulla biografia di Homer Simpson? No…? Ahia! rimediate qui

 

Lasciaci un tuo commento

commenti

Recommended Posts

Rispondi