Le 10 birre più alcoliche al mondo, giusto per alzare un po’ il “livello”

C’è anche una birra italiana tra le 10 birre più alcoliche al mondo

Forse non a molti è noto un particolare stile birraio chiamato eisbock, è proprio su questo stile che si basano le ricette per la produzione delle birre più alcoliche al mondo.

L’alto livello di zuccheri disciolti nel mosto, per la successiva produzione di alcol, è garantito da un procedimento che prevede il congelamento di un mosto di birra fermentato. Grazie al congelamento è possibile quindi separare la parte alcolica da quella “acquosa” e avere quindi un mosto di birra ad alto tenore alcolico.
Ahimè i prezzi di queste birre possono spesso risultare davvero esagerati se si parte con l’idea di acquistare una birra, qui invece si tratta di tutt’altro prodotto, che difficilmente categorizzerei come “birretta”.

 

10° Struise Black Damnation VI – Messy  ABV: 39% (BELGIO)

Struise Black Damnation VIClassiche note di cioccolato e cacao, tipiche di un imperial stout, pervadono il palato cercando di mitigare il tenore alcolico.

 

9° Baladin Espirit De Noel ABV: 40% (ITALIA)
Baladin Espirit De Noel

Baladin fa una birra di natale di puro carattere, tre anni in botte di rovere prima di essere imbottigliata. Credo il più “estroso” dei birrai italiani, sfrutta l’arte della distillazione per creare questo omaggio natalizio.

 

8° Brewdog Sink the Bismarck ABV: 41% (SCOZIA)

Brewdog Sink the BismarckBrewdog intanto si da alla pazza gioia con i luppoli al fine di bilanciare la morbidezza di un tale volume alcolico; una “quadruple IPA” che davvero vale la pena di assaggiare se siete amanti delle luppolature abbondanti.

 

7° Schorschbrau Schorschbock 43 ABV: 43% (GERMANIA)

Schorschbrau Schorschbock 57Una eisbock vera e propria prodotta solo una volta a causa del suo sapore spaziato inteso e considerato poco gradevole nel suo bilanciamento con la componente alcolica.

 

6° Koelschip Obilix ABV: 45% (OLANDA)

obilixAlcune birre, essendo anch’esse prodotte da malto d’orzo come il whisky, possono riprodurre sentori che ricordano il nobile distillato, ma in una sua versione morbida come i blended o gli irlandesi. L’Obilix ne è un perfetto esempio.

 

5° Brewdog The End of History ABV: 55% (SCOZIA)

brewdog-the-end-End-of-History-coverLa birra dello scoiattolo morto, semplicemente imbarazzante. Una belgian ale, mielosa e fruttata dal prezzo davvero proibitivo (550 pounds).

 

4° Schorschbrau Schorschbock 57 ABV: 57% (GERMANIA)

Schorschbrau Schorschbock 43Ritorna in lista il birrificio Schorschbräu con una birra decisamente migliore della prima e ancora più alcolica.

 

3° Koelschip Start the Future ABV: 60% (OLANDA)

start the futureRitorno in classifica anche per Koelschip, che stavolta presenta la sorella maggiore della “Obilix” vista prima in 6° posizione.

 

2° Brewmeister Armageddon ABV: 65% (SCOZIA)

Brewmeister Armageddon

Ha detenuto per qualche tempo il primato di birra più alcolica al mondo prima di essere superata da quella che tuttora è al primo posto mondiale.

 

1° Brewmeister Snake Venom ABV: 67.5% (SCOZIA)

Brewmeister Snake VenomEd eccoci arrivati alla birra che detiene il record di birra più alcolica al mondo.
Chi l’ha bevuta garantisce essere una bevanda piacevole con una luppolatura che accompagna sentori di whiskey.

 

Edited by Enrico Giacomin

.source.

Lasciaci un tuo commento

commenti

Recommended Posts

Rispondi