Nuovi approcci social al vino

Chi non beve in compagnia, non sa cosa si perde.

Grande è la fortuna di colui che possiede una buona bottiglia, un buon libro, un buon amico.

Partire da una citazione così impegnativa potrebbe non aiutarmi. Ma credo che Molière abbia riassunto in una frase un pensiero da me totalmente condiviso. Da attente analisi di mercato, ossia quelle fatte durante gli ultimi aperitivi, risulta che il piacere tratto da una chiacchierata con amici e dall’assaggio di un ottimo bicchiere di vino sia una piccola oasi di felicità nella quotidiana gestione di impegni e preoccupazioni. E cosa può esserci di più piacevole che scambiarsi pareri e confidenze davanti ad una buona bottiglia, magari un prodotto nuovo da degustare per la prima volta insieme?

Sono rimasta piacevolmente colpita dalla scoperta di alcune iniziative che si stanno muovendo proprio in questa direzione. Gli approcci e gli strumenti utilizzati sono diversi, ma l’idea portante è che la conoscenza del mondo del vino sia molto più facile e divertente quando viene condivisa.

App Winenot

Una proposta interessante è quella creata dal team di WineNot, un’applicazione che si propone di guidarci verso un nuovo modo di fare degustazione. L’app, sviluppata sia per piattaforma Android che per iOS, prevede un percorso attraverso cui l’utente possa migliorare le sue competenze, sfidando gli amici e creando una classifica di vini preferiti. WineNot è in fase di lancio e per i più curiosi segnalo la pagina di iscrizione per diventare beta tester.

Sempre a proposito di nuovi modi per vivere il vino, è interessante citare la bella pensata del social network Vinix. Vinix Grassroots Market è un progetto di social commerce dove l’utente può acquistare il vino direttamente dal produttore con notevole risparmio. Ancora più conveniente è l’acquisto tramite cordate, un nuovo modo per creare gruppi d’acquisto e permettersi il lusso di un buon vino a prezzi più approcciabili. Molto carino il video che chiarisce in modo più dettagliato di cosa si tratta.

Per chi ha sempre voluto degustare una bottiglia di vino importante, sia come prezzo che come qualità, l’iniziativa di myglassofwine.com potrebbe risultare molto interessante. L’idea è questa, puntare all’acquisto di una bottiglia insieme a persone legate dalla stessa curiosità e dalla zona di residenza. Si propone un vino che si vorrebbe assaggiare dividendo il costo a bicchieri e si pubblicizza anche tramite canali social il proprio progetto, un vero è proprio crowdfunding dunque. Raggiunto l’obiettivo la cifra viene erogata dal sito stesso. 

A quel punto, anche bersi un bicchiere di Amarone di Beppe Quintarelli potrebbe essere alla portata di tutti!

Lasciaci un tuo commento

commenti

Recommended Posts
Showing 3 comments
  • Filippo Ronco
    Rispondi

    Grazie per la segnalazione!
    Per conoscere a fondo il funzionamento di #vgm, segnalo la pagina delle faq: https://www.vinix.com/shop/faq_shop.php

    Ciao, Fil.

    • Fabiola
      Rispondi

      Ciao Filippo, grazie per il link! Il vostro progetto è molto interessante e merita di essere approfondito. A presto!
      Fabiola

  • Filippo Ronco
    Rispondi

    Ulteriori novità introdotte di recente al sistema:

    – ordine minimo non più di 12 ma di 6 bottiglie quasi per tutti i prodotti
    – capocordata remunerato con 90 centesimi a cassa per lo sbattimento
    – molte casse miste disponibili nei singoli shop e pacchi prova misti

    Per essere sempre aggiornati sull’evoluzione della piattaforma:
    https://www.vinix.com/shop/faq_shop.php

    Un caro saluto, Filippo

Rispondi